Trekking: 5 Consigli per praticarlo al meglio!

Caricato da: Carmine Grassio Il: giovedì, luglio 19, 2018 Commenti: 0 Hit: 676

Ecco 5 consigli utili per cominciare (o continuare) a fare Trekking nel modo giusto!

Fare trekking è uno delle attività più piacevoli che ci sia. Adulti, bambini o ragazzi, uomini o donne, scopriranno con il trekking il piacere della camminata a contatto con la natura, alla scoperta di boschi, sentieri di montagna ma anche borghi sconosciuti e paesaggi suggestivi. Con i consigli giusti puoi iniziare al meglio quest'attività in tutta sicurezza. Si potrà fare trekking durante il week - end o nel tempo libero e in ogni stagione dell'anno, visto che camminare lungo i sentieri e fare escursioni è un'attività da fare tutto l'anno.

Ecco i cinque consigli base per iniziare a fare trekking

1. Conoscere il percorso

Soprattutto per i principianti è fondamentale conoscere il percorso nei suoi aspetti essenziali. Da dove si parte? Dove si arriva? Com'è il tragitto? Stabile o impervio? Se hai appena iniziato a fare trekking è fondamentale sapere che la difficoltà del sentiero dipende dalla lunghezza ma anche dall'altimetria, la pendenza e altri elementi morfologici. Conoscere il dislivello complessivo serve anche a fare una valutazione in relazione al grado di allenamento. Chi è principiante e non ha il minimo allenamento è meglio che cominci con escursioni con massimo 400 metri di dislivello, per poi aumentare gradualmente. E non dimenticate una bussola per orientarsi al meglio soprattutto in montagna.

2. Scegliere l'abbigliamento giusto

Anche l'abbigliamento ha la sua importanza nel trekking. Nelle uscite in montagna e nei boschi, è fondamentale essere ben attrezzati con magliette che garantiscano una buona traspirazione, pantaloni resistenti ma leggeri. Non sottovalutate le calze, che devono essere di qualità (vedremo nel prossimo punto). Un berretto servirà a proteggervi dal sole, mentre giacche e pile devono essere leggeri, comprimibili nello zaino e ad alta termicità. Per quanto riguarda le scarpe da trekking, sceglietele alte per un sostegno maggiore anche alla caviglia, ma anche leggere e che garantiscano una buona traspirazione. Per quanto riguarda lo zaino da trekking, deve essere tecnico e dotato di tasche utili a contenere il necessario. Durante un'escursione bisogna portare tutto quanto possa servire ma stare anche attenti a non sovraccaricarsi di cose inutili. Lo zaino in nylon è resistente agli strappi e con le spalliere regolabili con delle cinghie, garantisce confort a chi lo trasporta.

3. Usare delle calze a compressione

Per aumentare le performance e sentire meno la fatica, si consiglia l'uso di calze a compressione che proteggano i muscoli, le articolazioni e i tendini. Le calze a compressione per camminare e fare sport, poiché servono a garantire una giusta e graduale compressione, isolamento termico, ossigenazione, ma anche per alleviare affaticamento e pesantezza muscolare tipica del post-camminata. Le calze a compressione Cardiosox, ad esempio, garantiscono la massima traspirazione, sono ergonomiche, defaticanti e sono un valido aiuto per i dolori muscolari, (e se non si è abituati non abituati a lunghi percorsi le amerete ancora di più!).

 4. Controllare il meteo

Oggi controllare il meteo è alla portata di tutti e a maggior ragione che le previsioni sono affidabili e precise, è possibile programmare le proprie uscite e regolarsi di conseguenza. Controllare le previsioni è fondamentale per sapere cosa portare nello zaino o eventualmente per apportare modifiche all'itinerario. Basta scaricare un'app sul proprio smartphone per consultare se è prevista pioggia o se è il caso addirittura di rimandare la propria escursione se le condizioni sono avverse.

5. Cosa portare nello zaino

Sicuramente all'inizio sarà un po' difficile prevedere cosa possa servire, ma per non correre nè il rischio di portare cose inutili, nè quello di non avere qualcosa di indispensabile, ecco qualche consiglio. Per prima cosa mettete acqua in abbondanza: inoltre ricordate che borracce e bottigliette possono essere riempite durante il tragitto nei pressi di qualche sorgente di montagna. Portate cibo a sufficienza che sia nutriente e adeguato anche a stare sotto il sole e che quindi non vada a male. Privilegiate alimenti proteici  che diano energia, evitando grassi. Portate anche un minimo kit di pronto soccorso con ghiaccio pronto uso per qualche rovinosa caduta, cerotti, bende, salviette antisettiche. Non dimenticate  una protezione solare adeguata e occhiali da sole perchè in alta montagna il sole è forte. Portate anche un cambio perchè potrebbe piovere  e potreste bagnarvi, un anti - zanzare, una torcia e non dimenticate mai ago e filo robusto se malauguratamente dovesse rompersi lo zaino.